RGR. Comunicazione integrata. PR Ufficio stampa. Marketing. Social 2.0

Specialisti nell'aumentare l'efficacia della comunicazione di aziende, enti e associazioni con tecniche evolute di comunicazione integrata. Aiutiamo a sviluppare e attuare politiche coerenti di marketing, ufficio stampa, advertising, sito internet e social media resi coerenti per comunicare al meglio con i target di riferimento

RGR. Comunicazione integrata. PR Ufficio stampa. Marketing. Social 2.0 - Specialisti nell'aumentare l'efficacia della comunicazione di aziende, enti e associazioni con tecniche evolute di comunicazione integrata. Aiutiamo a sviluppare e attuare politiche coerenti di marketing, ufficio stampa, advertising, sito internet e social media resi coerenti per comunicare  al meglio con i target di riferimento

Aumento IVA e calo dei consumi

Confcommercio: con l’ aumento IVA caleranno i consumi.

Confcommercio: aumento iva dannoso per i consumi

Confcommercio: aumento iva dannoso per i consumi

Secondo l’Ufficio Studi Confcommercio, provvedimenti quali l’ aumento Iva dell’1% dal primo luglio 2013 e della riduzione delle aliquote Irpef dal 23 al 22% per il primo scaglione (fino a 15.000 euro) e dal 27 al 26% per il secondo scaglione (da 15.001 euro a 28.000 euro) determinerebbero maggiori risorse per le famiglie pari a 1,5 miliardi di euro circa per l’anno 2013 e minori risorse per le famiglie pari a 2 miliardi di euro per il 2014. A questo conteggio vanno aggiunti ulteriori restrizioni in termini di minori detrazioni e deduzioni nonché il blocco degli aumenti retributivi nella PA. Un provvedimento quindi iniquo rispetto all’attuale situazione in quanto circa 10 milioni di contribuenti incapienti (cioè che già oggi non pagano l’Irpef) non avranno alcun giovamento dalla riduzione delle aliquote, ma pagheranno prezzi più alti per effetto dell’ aumento IVA, con una riduzione del potere d’acquisto. Poiché tra questi incapienti ci sono verosimilmente le famiglie italiane più povere in senso assoluto (3,4 milioni di cittadini) che non sono in grado di acquistare un paniere minimo di beni e servizi di sussistenza, è facile prevedere una ulteriore rapida crescita di quest’area di povertà, portando uno svantaggio sociale per l’intera collettività.

Notizia a cura dell’ufficio studi di RGR Comunicazione d’impresa – Marketing – Ufficio Stampa, in collaborazione con Format Research.

Category: Attualità, RGR News