RGR. Comunicazione integrata. PR Ufficio stampa. Marketing. Social 2.0

Specialisti nell'aumentare l'efficacia della comunicazione di aziende, enti e associazioni con tecniche evolute di comunicazione integrata. Aiutiamo a sviluppare e attuare politiche coerenti di marketing, ufficio stampa, advertising, sito internet e social media resi coerenti per comunicare al meglio con i target di riferimento

RGR. Comunicazione integrata. PR Ufficio stampa. Marketing. Social 2.0 - Specialisti nell'aumentare l'efficacia della comunicazione di aziende, enti e associazioni con tecniche evolute di comunicazione integrata. Aiutiamo a sviluppare e attuare politiche coerenti di marketing, ufficio stampa, advertising, sito internet e social media resi coerenti per comunicare  al meglio con i target di riferimento

Fare, una start-up che parte da Perugia

fare

Fare, con la due giorni di Perugia, chiude la fase costituente e dà il via all’attività sul territorio.

Milano, 14 giugno 2013.

Fare è una start-up che a Perugia ha iniziato il suo cammino. E non esiste un tracciato precostituito, il cammino si fa camminando.” E’ questa la sintesi di Michele Boldrin, Coordinatore Nazionale di Fare per fermare il declino, sulla due giorni di dibattito e di discussione.  Continue reading

Boldrin (Fare): ha ragione Confcommercio

boldrin

Boldrin (Fare) rilancia sulle dichiarazioni del Presidente di Confcommercio all’assemblea confederale.

Roma, 12 giugno 2013.

Boldrin, coordinatore nazionale di Fare, ha dichiarato: “Carlo Sangalli ha ragione da vendere: il tempo delle agende è finito. È arrivato il momento di fare. Quando i rappresentanti dei ceti produttivi avanzano le loro richieste alla politica a noi di Fare fischiano le orecchie: immancabilmente chiedono di realizzare ampie parti del nostro programma politico, spesso addirittura con le stesse nostre parole d’ordine come lo stesso imperativo di Fermare il declino. Oggi è toccato al Presidente di Confcommercio: ridurre la spesa e il potere di intermediazione della funzione pubblica, dismettere parte del patrimonio pubblico (partecipazioni e immobili), applicare la metodologia di costi e i fabbisogni standard, utilizzare questi risparmi e i ricavi derivanti dal contrasto all’evasione e all’elusione per ridurre le tasse a famiglie e imprese, sono tutte priorità assolute presenti nel nostro programma fin dalla fondazione. Invito molto volentieri Carlo Sangalli a confrontarsi con noi su queste proposte”. Continue reading

Letta copia (male) Fare

Letta

Letta, con il decreto “fare” annunciato da Franceschini, si appropria del nome del nostro partito e ne copia malamente e in modo riduttivo alcuni punti del programma.

Roma, 12 giugno 2013

Letta, per bocca di Dario Franceschini, ha annunciato il decreto “fare” con interventi in favore del rilancio del sistema economico italiano; l’intenzione è lodevole, peccato che al governo abbia fatto difetto un minimo di fantasia visto che ha avuto il cattivo gusto di appropriarsi del termine “Fare”, che identifica un partito che del governo non fa parte.   Continue reading

Boldrin a Perugia con tre priorità: tetto a stipendi della PA, stop alle Fondazioni, legge elettorale

La riunione del 7 e 8 giugno è la prima degli organi direttivi di Fare dopo l’elezione di Michele Boldrin a presidente del movimento.

Perugia, 7 giugno 2013.

Boldrin

Boldrin ha aperto a Perugia all’Etruscan Chocolate Hotel il primo incontro nazionale degli organi direttivi di Fare dopo la sua elezione a coordinatore del partito. Duecento, tra delegati al congresso e membri delle neoelette direzioni nazionali e regionali, stanno oggi discutendo le nuove linee programmatiche del partito fondato nel luglio 2012

Continue reading

Boldrin da Vespa

Boldrin: caro Vespa, con due provocazioni
ti trovo 14 miliardi e rilancio lavoro e investimenti

Boldrin contro gli abusi sulle pensioni di invalidità e i sussidi alle imprese inefficienti; basta questo per recuperare 14 miliardi di euro all’anno, da utilizzare per ridurre le tasse e rilanciare investimenti, occupazione e reddito.

Milano, 4 giugno 2013.

Boldrin da Vespa

Boldrin, economista, professore universitario in USA e nuovo presidente di Fare, è appena uscito dagli studio di Porta a Porta dove ha lanciato due provocazioni. Che tanto provocazioni non sono, visto che nel loro complesso pesano circa 15 miliardi.
Ecco, nella sostanza, la sfida che Boldrin ha lanciato davanti Vespa e ai suoi ospiti. Continue reading

Youtube: Fare domina su tutti

Youtube: il CNR conferma che FARE è il partito più apprezzato sul popolare social media

Fare per Fermare il Declino è ormai ampiamente il partito più popolare su YouTube, a conferma di un trend già annunciato dai successi registrati su Facebook e Twitter e di cui ormai anche i classici sondaggi iniziano (tardivamente) ad accorgersi.
Che Fare per fermare il Declino fosse un partito dinamico e totalmente diverso da quelli che hanno affondato l’Italia lo si era ampiamente capito leggendo i 10 punti del programma del movimento o scorrendo le liste dei candidati, tutti estranei ai vecchi partiti e al vecchio modo di fare politica. Continue reading

I trend virali della comunicazione politica analizzati dal CNR

Comunicazione politica degli italiani: il Consiglio Nazionale delle Ricerche ne ha analizzato  ogni giorno i trend virali, scoprendo che…

…lo scenario disegnato dai sondaggi ha poco a che vedere con quello emergente dallla comunicazione politica che avviene sul web, i cui flussi evidenziano con forza dirompente segnali deboli che i tradizionali sondaggi fanno grande fatica a cogliere. A dirlo, con l’oggettività dei numeri e dei grafici, sono i dati super partes del CNR, che quotidianamente tiene sotto controllo i “mi piace” sulle pagine facebook dei partiti e il numero dei follower che essi raccolgono su twitter.

Per esempio, su Facebook si assiste a una schiacciante vittoria del Movimento a 5 Stelle, di cui non sorprende tanto la vittoria quanto la decisa supremazia della sua pagina Facebook, che raccoglie il triplo delle preferenze di quella del PD. Ma ancor più sorprendente è la forza virale del movimento Fare per Fermare il Declino di Oscar Giannino, già al terzo posto per numero di preferenze, essendosi lasciato alle spalle non solo partiti potenti come il PDL ma anche movimenti ben più giovani e vivaci come per esempio SEL. Il poco spazio istituzionale che ottengono su giornali e TV del mondo reale dunque non frena i movimenti di Giannino e Grillo, che contando sulla comunicazione tra persona e persona, sul web vanno alla grandee conquistano sempre maggiori consensi ogni giorno che passa, con un tasso di incremento giornaliero superiore a tutti i partiti tradizionali.

Analisi CNR della comunicazione politica su Facebook-Twitter

Analisi CNR su Facebook-Twitter

Anche da Twitter emerge uno scenario nient’affatto scontato, con la supremazia del Movimento Cinque Stelle insidiata da vicino da un attivissimo SEL, di gran lunga più seguito rispetto a un deludente PD. Anche su Twitter salta all’occhio il dato di Fare per Fermare il Declino, oggi il quinto partito per numero di follower, tallonando molto da vicino il PDL il cui risultato, stando almeno quanto si legge sui media, potrebbe essere per dir così “drogato”, dalla presenza di follower “tarocchi”.

Questo monitoraggio quotidiano condotto da un team del Consiglio Nazionale delle Ricerche capitanato dall’Ingegner Maurizio Tesconi (le linee guida del progetto e le metodologie di analisi sono pubblicate qui: http://www.social-trends.it/#channels/popularity/col1+col2+col3/it/political_parties/9/abs) fornisce dati che gettano una luce nuova e assai diversa sull’evoluzione della situazione politica italiana, rispetto a quella offerta dai sondaggi riportati dai media più classici, molto meno capaci di cogliere i segnali deboli dei nuovi movimenti e delle nuove tendenze delle preferenze politiche degli italiani.

Chi fa politica seriamente, oltre che chi per mestiere si occupa di analisi politica, dovrebbe imparare a tenere in maggiore considerazione i segnali che emergono dal web: il rischio che si corre, ignorandoli, è di essere superati senza accorgersene dall’improvviso evolversi di situazioni che si sarebbero potute analizzare per tempo se solo se ne fosse voluto percepire i segnali che esse mandavano attraverso i flussi del web.

Analisi incremento giornaliero della comunicazione politica dei partiti - by CNR

Analisi incremento giornaliero CNR

Elezioni: Fermare il Declino scende in campo in Toscana.

Il movimento parteciperà alle prossime elezioni; a Oscar Giannino la leadership. In Toscana è già in moto la macchina organizzativa dei comitati locali.

Alle prossime elezioni, sotto la guida di Oscar Giannino: questa la decisione scaturita dalla riunione dei fondatori e dei coordinatori di Fermare il declino, il movimento della società civile che in poche settimane ha raccolto già 40 mila aderenti. La decisione è stata presa all’unanimità. Continue reading

Oscar Giannino a Campi Bisenzio per Fermare il declino

A Campi Bisenzio il leader di Fermare il Declino apre la campagna elettorale in Toscana.

Dopo l’annuncio della discesa in campo alle prossime elezioni, Fermare il Declino inizia la sua campagna elettorale in Toscana da Campi Bisenzio, dove sabato 15 il comitato locale appena costituitosi si presenterà organizzando la prima uscita pubblica nella nostra regione di Oscar Giannino, che lo scorso sabato ha ricevuto a Milano l’investitura della leadership del movimento. Continue reading

Fermare il declino a Lucca

Sabato 1 Dicembre, con la presenza di Oscar Giannino, la presentazione ufficiale del movimento Fermare il Declino a Lucca.

Fermare il Declino a Lucca

Fermare il Declino a Lucca

Si terrà sabato 1 Dicembre alle ore 17 presso l’auditorium di San Romano, nel pieno centro di Lucca, la presentazione ufficiale del movimento “Fermare il Declino”. All’evento parteciperà Oscar Giannino, giornalista, opinionista, economista di fama internazionale e fondatore del movimento, oltre che conduttore della seguitissima trasmissione radiotelefonica “Nove in punto – La versione di Oscar” su Radio 24. L’intervento di Giannino sarà preceduto da una Introduzione del Professor Fabio Pammolli, professore ordinario di Economia e Management e già Direttore del prestigioso IMT Lucca.  Continue reading